Isolamento termoacustico

Isolare in modo adeguato la nostra abitazione porta a migliorare il comfort interno e ad un risparmio energetico, oltre ad attutire i fastidiosi rumori esterni.

Qualche tempo fa la prestazione energetica di un edificio non aveva un’importanza significativa, attualmente invece con le nuove normative nel settore edilizio e a causa dei vincoli ambientali e del crescere dei costi di combustibile è sorta la necessità di limitare le dispersioni termiche delle abitazioni sviluppando soluzioni adeguate.

L’obiettivo di un efficiente isolamento termoacustico dell’edificio è quello di garantire all’interno degli ambienti una temperatura ottimale dell’aria, dei muri, dei pavimenti e dei soffitti e una riduzione del rumore proveniente dall’esterno o dagli ambienti limitrofi.

 

Per avere una sensazione di comfort termoigrometrico occorre che le pareti e le superfici orizzontali (solai) non risultino freddi, ma per evitare che si raffreddino bisogna coibentarle, applicare cioè attorno ad esse uno strato isolante.

Altro effetto positivo dell’isolamento termico è la prevenzione dei problemi legati alla presenza di umidità di condensa, che si manifestano solitamente con la formazione di muffe e macchie scure, dovute alla superficie fredda in alcuni punti.

Per evitare questi problemi è opportuno posizionare degli isolanti termici all’esterno delle pareti, coinvolgendo tutto l’involucro, in modo da ottenere all’interno una temperatura uniforme.

L’isolamento termico consente di ridurre le dispersioni di calore e quindi i costi del riscaldamento oltre all’apporto di CO2 nell’ambiente.
L’isolamento termoacustico: tipologie

Isolamento delle pareti dall’interno degli ambienti. Questa tipologia d’isolamento consente di mantenere inalterate le caratteristiche architettoniche dell’edificio, risparmiando sul montaggio dei ponteggi.

Soluzione particolarmente adatta ad edifici ad uso discontinuo, favorendo il rapido riscaldamento dell’aria interna, senza coinvolgere la struttura muraria. Ma l’edificio si raffredda altrettanto rapidamente, comportando un continuo funzionamento dell’impianto.

Il difetto principale di questa tipologia d’isolamento consiste nel fatto che non vengono eliminati i ponti termici, oltre alla riduzione del volume dei locali dello strato di materiale aggiunto alle pareti e al conseguente adeguamento degli impianti.

Isolamento acustico involucro – Rockwool
Isolamento nell’intercapedine. Lo strato isolante viene posizionato nell’intermezzo tra una parete di tamponamento esterna, di maggior spessore, e una parete interna di sezione minore.

L’isolamento così posizionato ha funzione di aumentare l’inerzia termica dell’edificio, ma comunque non si risolvono i problemi legati alla presenza di ponti termici.

Isolamento dall’esterno. Isolare le pareti dall’esterno equivale a mettere un cappotto termico all’edificio, capace di aumentare l’accumulo termico e di eliminare i ponti termici.
I muri si scaldano ai raggi solari, accumulano calore e poi lo restituiscono all’ambiente, questo permette un risparmio di combustibile e una riduzione delle emissioni inquinanti.

Il posizionamento di un isolamento a cappotto ha il vantaggio di non disturbare eccessivamente gli abitanti dell’immobile, in quanto non è necessario evacuare i locali.

L’intervento risulta ideale quando siano necessari lavori di ristrutturazione delle facciate dell’edificio poiché ponendo in quiete termica la struttura si evitano le formazioni di nuove fessure.
La progettazione dell’isolamento termoacustico

Ogni intervento di ristrutturazione che prevede l’applicazione di un isolamento, prevede anche un corretto dimensionamento del materiale isolante.

Le nuove costruzioni devono essere edificate rispettando la normativa vigente attenendosi ai parametri geografici secondo la zona climatica (A,B,C,D,E,F) riferita all’edificio in questione.

L’azienda ROCKWOOL ha creato un nuovo sistema d’isolamento a cappotto denominato REDArt® che combina le tradizionali performance isolanti della lana di roccia con nuovi valori estetici, permettendo di scegliere tra più di 200 tonalità di colore, diversi tipi di finitura e tre tipi di granulometria (1.0, 1.5 2.0 mm) garantendo la massima libertà progettuale per ogni tipologia di edificio.

Isolamento termoacustico, soluzioni con pannelli fonoisolanti di Rockwool
Il sistema REDArt® offre numerosi benefici per soddisfare le esigenze progettuali, quali l’elevata durabilità, bassa manutenzione, comfort termico e acustico per gli abitanti, riduzione dei ponti termici, traspirabilità della facciata, protezione dell’edificio, applicabilità su molteplici tipologie di supporto.

L’azienda fornisce i pannelli isolanti e tutti i componenti del sistema, comprese malte e finiture.
L’isolamento di pareti divisorie

L’isolamento di pareti divisorie aiuta a ridurre il rumore e a creare comfort acustico. Isolare in modo appropriato è un aspetto fondamentale nella progettazione di un edificio.

Per aumentare le prestazioni acustiche, termiche e di protezione al fuoco, occorre inserire nell’intercapedine dei muri i pannelli isolanti opportunamente dimensionati per lo scopo da raggiungere.

Nel caso di pareti divisorie in laterizio, la soluzione tecnologica consiste in un pacchetto definito da strati massivi o leggeri separati da un’intercapedine con interposto l’elemento isolante in lana di roccia a mono densità o a doppia densità.

Pannelli termoisolanti per l’isolamento di pareti divisorie
In ambito acustico, l’utilizzo di un elemento isolante smorzante fibroso tra due murature crea un sistema denominato massa-molla-massa che garantisce elevate prestazioni in termini di fonoisolamento.

Gli strati di intonaco permettono la sigillatura di eventuali fori presenti nelle murature e la continuità dei giunti, fornendo nel loro insieme un importante contributo massivo al pacchetto tecnologico.

Al fine di attenuare l’effetto delle frequenze critiche delle murature si consiglia la scelta di due tipologie di laterizio con diverso spessore e/o massa. In questo modo la vibrazione critica del primo strato murario viene compensata dal secondo e viceversa.

La struttura a celle aperte della lana di roccia rende i pannelli ROCKWOOL particolarmente efficaci all’interno delle pareti doppie. L’energia sonora incidente, infatti viene assorbita dall’isolante posto nell’intercapedine trasformandosi per attrito in energia termica.

La presenza di pannelli in lana di roccia all’interno dell’intercapedine consente di assorbire le risonanze acustiche interne, riducendo così l’energia passante nell’ambiente adiacente e aumentando il potere fonoisolante della struttura.
Placcaggi e contropareti per una coibentazione interna dell’appartamento

La normativa vigente nazionale D.P.C-.M. 5/12/1997 prevede che i divisori verticali tra le diverse unità immobiliari debbano garantire determinati requisiti minimi: termici, acustici e di resistenza al fuoco.

Il Decreto fissa il limite dell’indice di valutazione Rw, ossia del potere fonoisolante apparente indicato dal pedice w (weighted), che è un parametro sintetico ottenuto dai valori alle varie frequenze, in funzione della destinazione d’uso dell’unità immobiliare classificata secondo determinate categorie.

L’installazione di un placcaggio è un intervento indicato per migliorare le caratteristiche acustiche di un divisorio esistente. Infatti l’utilizzo di tecnologie a secco opportunamente stratificate consente di ottenere elevate prestazioni in poco spazio e con limitato disagio per gli occupanti.

Isolamento con placcaggio – Rockwool
L’impiego di una lastra di cartongesso accoppiata ad un pannello di lana di roccia, in ambito acustico, crea un sistema massa-molla-massa in grado di attenuare la propagazione del rumore.
La posa di un secondo strato di lastre in cartongesso sfalsato rispetto alla controparete può contribuire ad un ulteriore potere fonoisolante dell’intera parete.

La realizzazione di una controparete prevede l’inserimento del pannello isolante in lana di roccia nei vani della struttura metallica creata, a giunti sfalsati. I pannelli in cartongesso o gessofibra, verranno applicati avvitati con viti alla struttura metallica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>